IN QUESTA SEZIONE È POSSIBILE VISUALIZZARE I COMUNICATI STAMPA, I DOCUMENTI E LE PRESE DI POSIZIONE DI CIDA

null

Sentenza amara: no a pensionati-bancomat

“E’ una sentenza che ci lascia l’amaro in bocca e le cui motivazioni andranno lette con attenzione per capire se ci sono gli auspicati richiami all’Esecutivo affinché si ponga finalmente fine alla sconcia pratica di usare i pensionati come dei ‘bancomat’ cui ricorrere quando si aprono falle nei conti pubblici”: è il commento di Giorgio…

Continua

Fiducia per la decisione della Consulta sulla rivalutazione delle pensioni

“Domani la Corte Costituzionale deciderà sulla rivalutazione delle pensioni – dopo il blocco del 2012-2013 e la parziale restituzione del 2015 – e siamo fiduciosi che verranno riconosciuti i diritti di tanti pensionati che hanno visto ridotto il potere d’acquisto e sviliti anni di lavoro con il versamento di onerosi contributi previdenziali”: è quanto afferma…

Continua

Fiducia per la decisione della Consulta sulla rivalutazione delle pensioni

“Domani la Corte Costituzionale deciderà sulla rivalutazione delle pensioni – dopo il blocco del 2012-2013 e la parziale restituzione del 2015 – e siamo fiduciosi che verranno riconosciuti i diritti di tanti pensionati che hanno visto ridotto il potere d’acquisto e sviliti anni di lavoro con il versamento di onerosi contributi previdenziali”: è quanto afferma…

Continua

Alternanza Scuola Lavoro: la protesta spinga ad un nuovo dialogo

“Gli studenti hanno ragione a protestare per come si sta attuando l’alternanza scuola-lavoro: politica e società civile devono ascoltare e comprendere i motivi del malessere e migliorare l’offerta formativa.  La posta in gioco è troppo alta e richiede l’impegno di tutti per mantenere aperto il dialogo fra il mondo della scuola e quello del lavoro”.…

Continua

Alternanza Scuola Lavoro: la protesta spinga ad un nuovo dialogo

“Gli studenti hanno ragione a protestare per come si sta attuando l’alternanza scuola-lavoro: politica e società civile devono ascoltare e comprendere i motivi del malessere e migliorare l’offerta formativa.  La posta in gioco è troppo alta e richiede l’impegno di tutti per mantenere aperto il dialogo fra il mondo della scuola e quello del lavoro”.…

Continua

CIDA Sicilia incontra i candidati alla Presidenza della Regione

Occupazione, scuola, formazione, economia, sviluppo, sanità, Pubblica Amministrazione: questi e molti altri gli argomenti che verranno affrontati a Palermo, nella prestigiosa sede della Camera di Commercio – Sala Terrasi – il 13 ottobre 2017: alle ore 13.30 sarà offerto un light lunch agli invitati, cui seguirà alle ore 14.30 l’incontro tra i candidati alla presidenza della Regione, che…

Continua

CIDA Sicilia incontra i candidati alla Presidenza della Regione

Occupazione, scuola, formazione, economia, sviluppo, sanità, Pubblica Amministrazione: questi e molti altri gli argomenti che verranno affrontati a Palermo, nella prestigiosa sede della Camera di Commercio – Sala Terrasi – il 13 ottobre 2017: alle ore 13.30 sarà offerto un light lunch agli invitati, cui seguirà alle ore 14.30 l’incontro tra i candidati alla presidenza della Regione, che…

Continua

Serve uno Ius Soli per ricercatori

“Anche di fronte a ‘sentieri stretti’ e ‘risorse scarse’ è essenziale che la legge di bilancio finanzi la stabilizzazione dei ricercatori, come proposto dal Ministero della Salute, e riconsideri la decisione di limitare al 60% i fondi della ricerca corrente, destinati al personale”. E’ quanto sostiene Sergio Barbieri, vicepresidente vicario Cimo (il sindacato dei medici…

Continua

Serve uno Ius Soli per ricercatori

“Anche di fronte a ‘sentieri stretti’ e ‘risorse scarse’ è essenziale che la legge di bilancio finanzi la stabilizzazione dei ricercatori, come proposto dal Ministero della Salute, e riconsideri la decisione di limitare al 60% i fondi della ricerca corrente, destinati al personale”. E’ quanto sostiene Sergio Barbieri, vicepresidente vicario Cimo (il sindacato dei medici…

Continua

DEF: i tagli alla spesa non pregiudichino i servizi ai cittadini

“Nessuno mette in dubbio le capacità del ministro dell’Economia nel percorrere un ‘sentiero stretto’ fra contenimento del disavanzo e stimolo alla crescita, ma se i tagli alla spesa pubblica si traducono in un peggioramento dei servizi resi alla collettività, la conclusione di questa manovra sarà quella ridurre la qualità della vita”: lo ha detto Giorgio…

Continua